“Il mio lavoro ormai è perso. I miei clienti non so neppure se sono ancora vivi. L’ultima volta che sono stato ad Amatrice è stato appena martedì, poche ore prima del terremoto”. Antonio Camacci è un fruttivendolo di Arquata del Tronto e d’estate passava tra le case dei suoi compaesani e dei tanti turisti che salivano in queste montagne per vendere con il suo furgoncino. Amatrice, Accumoli, Arquata e tutte le piccole frazioni, da anni il percorso di Antonio era sempre lo stesso. Lo stesso che ha percorso il terremoto facendo, ad ora, 268 vittime. Ora, dopo le scosse, quei paesi non ci sono più mentre il capannone dei Camacci è in piedi, costruito con le tecniche antisismiche. Ora è già diventato il deposito per le derrate alimentari di una delle tendopoli allestite per gli sfollati che si trova a pochi metri. “Ho dato le chiavi alla Protezione civile e gli ho detto che qui possono farci quello che vogliono. Mi hanno detto che mi davano dei soldi, ma con tutti gli amici che ho perso io non voglio neppure parlare di soldi” di David Marceddu e Giulia Zaccariello
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Terremoto ad Amatrice, il sismologo: “Possibile ricostruirla com’era. Ma i tempi non saranno rapidi”

prev
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, spuntano teorie complottiste: dalle operazioni Nato al “castigo divino” post unioni civili

next