Dopo ricerche incessanti sono stati individuati due dei tre corpi dei sub scomparsi venerdì mattina nelle acque di Palinuro, frazione di Centola (Salerno). Si tratta, si apprende da fonti qualificate, di Mauro Tancredi e Silvio Anzola. Non ancora individuato, invece, il corpo di Mauro Cammardella, titolare del Centro diving di Palinuro che ha organizzato l’immersione. Le operazioni di recupero risultano però difficili dal momento che i corpi si trovano ad una profondità di 45-50 metri.

Le ricerche sono proseguite per tutta la notte. E questa mattina è svanita anche la remota speranza che i tre si fossero salvati entrando in una “campana d’aria” all’interno della Grotta della Scaletta. Nell’area interessata stanno operando i mezzi della Capitaneria di Porto di Palinuro, diretta dal tenente di vascello Andrea Palma, e i paleosub dei Vigili del Fuoco.

I tre si sono immersi alle dieci di venerdì mattina con un gruppo di dodici persone. Tutti e tre erano molto esperti. Mauro Cammardella (a sinistra nella foto) si immergeva ogni giorno, anche nei periodi freddi. Il suo centro diving, Mauro sub, vanta cinque stelle e lui stesso era istruttore Padi, Cmas e Dan. Non uno sprovveduto quindi. Stesso discorso per Mauro Tancredi (al centro) che nel centro diving era aiuto istruttore. C’era poi Silvio Anzola, originario di Parma ma che da tempo viveva a Milano. L’ingegnere di 59 anni aveva una grande passione per le immersioni. Pochi giorni fa, lo scorso 16 agosto, era stato lui, insieme al suo amico Cammardella, ad accompagnare la figlia nel suo battesimo subacqueo. Su Facebook le foto di quel momento di “incredibile felicità”.

Il sostituto procuratore Vincenzo Palumbo si è recato insieme con il comandante Andrea Palma nello specchio di mare interessato dalle ricerche. E’ il primo sopralluogo del magistrato della Procura di Vallo della Lucania. Intano la Protezione civile, Gruppo Lucano Centola, ha allestito una equipe di sostegno per i familiari dei tre sub che da ieri sostano sulla banchina del porto. Del gruppo fanno parte la psicologa Paola Schiavo e lo psichiatra Alfonso Pace.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dedica al boss sulla mongolfiera, per il sindaco è un complotto: “Chi ha diffuso la foto si scusi. Valenzano non è mafiosa”

prev
Articolo Successivo

Ottantenne contromano sulla Firenze Mare. 4mila euro di multa, potrà rifare la patente

next