Una piattaforma petrolifera con una stazza da 17mila tonnellate si è sganciata dal rimorchiatore che la stava trainando al largo dell’isola di Lewis, a nord ovest della Scozia, quando le forti correnti e una violenta tempesta la hanno mandato alla deriva facendola poi incagliare sulla spiaggia di Dalmore nella zona Carloway. La guardia costiera ha fatto sapere che non ci sono persone a bordo, ma è stato bloccato l’accesso alla spiaggia per motivi di salute e di sicurezza legati al rischio di inquinamento (280 le tonnellate di gasolio a bordo). Le autorità sono al lavoro per scongiurare qualunque rischio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Earth Overshoot Day, da oggi si inizia a sovrasfruttare la Terra: “Ci vorrebbero 1,6 pianeti per soddisfare la domanda”

prev
Articolo Successivo

Trivelle, ecco #dismettiamole: la campagna di Legambiente per chiudere 38 piattaforme petrolifere e 121 pozzi

next