Sono almeno 97 i morti e almeno 100 i feriti in scontri tra le forze dell’ordine e manifestanti durante il weekend in diverse località dell’Etiopia. Lo denuncia Amnesty International. Migliaia di dimostranti protestavano nelle regioni di Oromia e Amara contro il governo, chiedendo riforme politiche, giustizia e stato di diritto. Le violenze più gravi a Bahir Dar dove almeno 30 persone sono rimaste uccise dal fuoco della polizia in un giorno solo.

“Le forze di sicurezza hanno risposto con la mano pesante. Hanno sistematicamente fatto un uso eccessivo della forza nel vano tentativo di far tacere le voci dissidenti”, ha detto Michelle Kagari, il vicedirettore per l’Africa orientale dell’organizzazione di difesa dei diritti umani. “Questi crimini devono essere investigati rapidamente e in modo imparziale ed efficace. E tutti i sospettati devono essere portati davanti a tribunali civili senza il ricorso alla pena di morte”, ha aggiunto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, cosa c’è dietro l’abdicazione dell’Imperatore Akihito

next
Articolo Successivo

Aleppo, l’Onu chiede tregua umanitaria: “Due milioni di civili senza acqua e luce”

next