È Alessandro Solidoro, presidente dell’ordine dei commercialisti di Milano e specializzato in crisi di impresa, l’uomo scelto dal Campidoglio per guidare Ama, la municipalizzata dei rifiuti di Roma. La scelta di Solidoro come amministratore unico è stata ufficializzata giovedì mattina, dopo le dimissioni irrevocabili di Daniele Fortini in polemica con l’assessore all’ambiente della giunta Raggi Paola Muraro, dalla commissione consiliare Ambiente. Il suo curriculum era l’unico arrivato al vaglio dell’organo.

Video di Irene Buscemi

Immediata la reazione di Fratelli d’Italia: “Ci state proponendo una persona esperta di fallimenti. Lo fate perché volete dismettere Ama? Ci saremmo aspettati una forma di consultazione o di evidenza pubblica e non una scelta blindata con un solo curriculum. È questo il cambiamento dei 5 stelle?”, ha chiesto il consigliere comunale Andrea De Priamo. Daniele Diaco, che presiede la commissione, ha replicato che “Ama di fatto è già fallita, con 600 milioni di euro buco, e questa è la motivazione per prendere una persona esperta di aziende in crisi. I romani, infatti, ci hanno voluto qui per risanarla, e il curriculum unico che vi è stato sottoposto è dovuto all’efficienza del M5S nel rispondere all’esigenza dei cittadini”.

Laureato alla Bocconi, padre di quattro figli e secondo Repubblica “vicino all’Opus Dei“, Solidoro è titolare dell’omonimo studio milanese e esperto di “assistenza a società in fase pre-concorsuale e concorsuale“, nonché a aziende “in crisi nella sistemazione stragiudiziale dell’esposizione debitoria” e “in difficoltà finanziarie”, come si legge nel suo curriculum sul sito.

All’amministratore unico “verrà comunque “affiancato un direttore generale esperto nei temi specifici e nella gestione del ciclo dei rifiuti”, ha aggiunto Diaco. “Alla sua selezione si arriverà al più presto. Roma non può aspettare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, quando era il sindaco-santo La Pira a requisire le case

next
Articolo Successivo

Aosta, Luciano Violante ricoverato in rianimazione. “Quadro clinico è in miglioramento, ma prognosi riservata”

next