Non saranno più venduti sei prodotti al cioccolato nei negozi dell’Ikea. Via dagli scaffali in quanto “non sono adatti alle persone allergiche o intolleranti alle mandorle e/o alle nocciole” ha comunicato il gruppo svedese. Viene specificato che “il richiamo interessa tutti i mercati mondiali, qualunque sia il termine minimo di conservazione dei prodotti, indipendentemente dalle diverse leggi dei vari Paesi dove siamo presenti con i nostri punti vendita. La sicurezza e la qualità –  si legge nella nota della multinazionale specializzata nella vendita di mobili, arredamenti e oggettistica per la casa – sono le nostre priorità”.

“La presenza di mandorle e nocciole è stata rilevata frequentemente, e non solo occasionalmente, e ciò indica che i prodotti non sono adatti al consumo da parte delle persone allergiche o intolleranti a questi allergeni” viene precisato nella nota dell’azienda con sede legale principale a Leida, in Olanda. I prodotti “sono sicuri” per chi non è allergico o intollerante alle mandorle e/o alle nocciole, si aggiunge specificando che ad oggi Ikea non ha ricevuto nessuna segnalazione di reazioni allergiche causate dai sei prodotti al cioccolato a cui ora viene esteso il richiamo già in corso. I clienti che hanno acquistato i prodotti interessati dalla segnalazione potranno restituirli al mittente e ricevere il rimborso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ecofuturo 2016, dai rifiuti e dagli scarti agricoli: tutto il nuovo carburante per abbattere le polveri sottili. Mobilità elettrica e pulita

prev
Articolo Successivo

Terrorismo, ministro Alfano in Senato (deserto): “Da gennaio 2015 espulse 102 persone, 8 erano imam”

next