Dopo la Camera è la volta del Senato. Se dall’inizio della legislatura la presidente di Montecitorio, Laura Boldrini, ha annunciato 270 milioni di risparmi tra minor dotazione (150 milioni) e restituzioni al bilancio dello Stato (altri 120), anche a Palazzo Madama la dieta è proseguita incessantemente.

CURA DIMAGRANTE – Dal 2013 al 2016, durante la presidenza di Piero Grasso, il ramo del Parlamento destinato, referendum d’autunno permettendo, a subire la scure della riforma costituzionale, ha ridotto progressivamente il suo fabbisogno. Nel quadriennio i risparmi complessivi ammontano a circa 152 milioni di euro, del quali 86,4 di minore dotazione ricevuta dall’erario e altri 65,5 restituiti alle casse pubbliche. Una sforbiciata che, negli ultimi dieci anni, ha visto ridurre l’incidenza della spesa del Senato in rapporto a quella dello Stato dallo 0,083% allo 0,060%. Non solo. Nel 2015, per la prima volta, i costi di Palazzo Madama sono scesi al di sotto del mezzo miliardo, assestandosi a 495 milioni di euro con un risparmio di spesa di 5,8 milioni. Quanto alle singole voci, gli oneri a carico del bilancio del Senato hanno subito una contrazione di 31 milioni di euro sul fronte delle indennità parlamentari e di 36,7 su quello delle retribuzioni dei dipendenti, scesi negli ultimi dieci anni dalle 1.098 unità del 2006 alle 669 del 2016 (-39,07%).

BEATA TRASPARENZA – Tagli e risparmi vanno di pari passo con la creazione della centrale unica di committenza del Parlamento per la gestione congiunta Camera-Senato di alcune procedure di gara. Rispetto alle quali, in collaborazione con la Consip, Palazzo Madama ha avviato la completa digitalizzazione. Sempre sul fronte della trasparenza, attraverso i suoi 8 canali per la diretta streaming sul web, dall’inizio della Legislatura, sono state trasmesse 1.160 sedute di commissione. Mentre l’archivio web delle sedute d’Aula è ora consultabile anche in modalità frazionata: è cioè possibile selezionare e ascoltare gli interventi di singoli senatori. Con il coinvolgimento dei dipendenti in pensione, inoltre, sono aumentati i momenti di apertura al pubblico, oltre a Palazzo Madama, anche a Palazzo Giustiniani e alla Sala della Costituzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tortura, palazzo Madama sospende l’esame del reato: Alfano e forze di polizia gridano alla vittoria

next
Articolo Successivo

Scelta civica, colpo di scena in direzione: passa linea Zanetti pro Verdini. Ma è polemica: “Non ci hanno fatto votare”

next