Tre giorni dopo il fallito tentativo di golpe, la tensione in Turchia è ancora alta: un uomo che ha sparato davanti al tribunale di Ankara è stato ucciso. Decisamente più inquietante quanto accaduto al municipio del distretto di Sisli a Istanbul, dove almeno due persone, poi arrestate, hanno sparato alla testa il vicesindaco, Cemil Candas, che dopo aver riportato gravissime ferite è morto. L’attacco è stato condannato da tutti i partiti d’opposizione in Turchia, compreso il partito di opposizione Chp (Partito repubblicano del popolo) che governa il distretto di Sisli dov’è avvenuto l’attentato. Non è chiaro se l’agguato al vicesindaco sia da ricollegare al golpe fallito

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, spari contro polizia a Baton Rouge. Un agente a terra: “Mi hanno colpito al braccio”

next
Articolo Successivo

Golpe Turchia: con Ankara via dalla Nato, da rimuovere o neutralizzare 50 bombe all’idrogeno

next