Questa notte in Val di Susa, 300 attivisti No Tav hanno marciato verso il cantiere dell’alta velocità. Di fronte ai jersey che delimitano l’area dei lavori di Chiomonte, in un primo momento il corteo ha iniziato una battitura delle reti per poi iniziare ad attaccare a più riprese il cantiere con fuochi d’artificio e petardi, mentre la polizia ha risposto con un fitto lancio di lacrimogeni. Nel corso della protesta alcuni fuochi d’artificio caduti nel bosco hanno provocato piccoli roghi subito spenti. Un altro rogo di copertoni vicino alla galleria Giaglione ha, invece, costretto l’autostrada A32 a chiudere per circa mezz’ora per colpa del fumo denso che si è alzato dall’incendio. L’attacco è avvenuto nei primi giorni del campeggio No Tav di Venaus che fino al 31 luglio ospiterà attivisti da tutta Italia per una serie di iniziative di sensibilizzazione e di protesta nei confronti del treno ad alta velocità

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Moro, l’ex Psi Signorile: “Io da Cossiga quando arrivò la notizia dell’omicidio”. Un’ora prima della telefonata delle Br

next
Articolo Successivo

Napoli, Sepe: “Case della curia ai poveri”. Il cardinale vuol far dimenticare lo scandalo degli affitti a prezzi stracciati

next