Il metano? Ora si può anche ricavare dalle alghe. Ci sono riusciti gli spagnoli della società Aqualia, che nei loro stabilimenti nel sud della penisola iberica hanno messo a punto un procedimento per ottenere il biogas dalla lavorazione delle alghe coltivate in stabilimenti di trattamento delle acque reflue.

L’iniziativa, denominata “All-gas biogas project”, è nondimeno andata oltre la sola produzione del biometano. Si è infatti compiuta anche la fase due, ovvero quella della sperimentazione: il propellente è stato usato con successo per alimentare una vettura, specificamente la Volkswagen Up! Ecofuel.

“Per la prima volta un’auto è stata alimentata con biometano prodotto dalle alghe”, ha dichiarato il direttore tecnologia e innovazione di Aqualia Frank Rogalla, “ed è il culmine di un processo di ricerca durato cinque anni di cui siamo molto orgogliosi”.

Gli ha fatto eco il capo dell’Osservatorio Federmetano in Italia Dante Natali: “il nostro Paese ha grandi potenzialità per la produzione del biometano, che molto può fare per la riduzione dell’impatto ambientale della mobilità su strada”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’asfalto biologico? In futuro si otterrà dal letame dei maiali. Parola di scienziati

next
Articolo Successivo

Auto elettriche, il record è di una Enfield anni ’70. Va veloce come una Lamborghini – FOTO

next