Qualche giorno fa sono stato in un parco acquatico nei dintorni di Roma. La ricetta – alquanto gradevole – è sempre la solita: acqua, scivoli, onde, giochi, giochi, gelati e in vendita di tutto di più! Bibite, panini, riviste, giochi d’acqua, costumi, ciabatte, foto, gadgets, teli da bagno, ecc. ecc. Mancavano solo l’arrotino e l’ombrellaio e non sarebbe mancato davvero nulla.

Non era la prima volta che portavo mio figlio in una struttura del genere. Ma questa volta, nella marea di folla di bimbi ed adulti c’era qualcosa di diverso. Qualcosa che, lo confesso, mi ha dapprima stupito e, poi, ha turbato un pochino la mia spensierata giornata.

C’erano infatti in acqua quattro donne, sorridenti, allegre ma completamente velate e con solo il volto e le caviglie/piedi libere alla vista altrui. Nella loro veste bianca e blu erano davvero elegantissime, ma anche, consentitemi, un pochino ridicole: stare nell’acqua bassa della piscina, inseguendo bambini che scappano e giocano, vestiti di tutto punto è un’immagine che poco si adatta alla “sacralità” di una simile veste e contrasta molto con la spensieratezza di un luogo di divertimenti di quel tipo.

Mi è sorto subito un pensiero: nel nord Europa fanno la sauna completamente nudi, per questioni igieniche. Noi, invece, siamo stati costretti ad immergerci nell’acqua in cui si erano inevitabilmente “lavate” quelle vesti, con tutto il sudore che, inevitabilmente, avevano toccato prima.

Di regola non sono un igienista, ma questa presenza, come detto, mi ha infastidito non poco. Tuttavia ho lasciato le mie riflessioni solo per me e sul momento non ho detto nulla. Poi, però, ragionando a freddo, sono arrivato ad una conclusione: no, non è giusto entrare in piscina con una veste intera, mentre tutti gli altri bagnanti sono semi-nudi. È una questione di igiene e, paradossalmente, di rispetto.

Qui funziona così e se il tuo credo religioso di impone di non spogliarti, alla piscina, secondo me, dovresti rinunciarci.
Sia chiaro, non ho nulla in contrario contro le convinzioni religiose altrui, qualunque esse siano, ma sono altrettanto convinto che se hai scelto di fare…la suora (di questo si trattava!), il bagno in piscina o non te lo fai o ti metti in costume come gli altri.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Droghe leggere, effetti pesanti?

next
Articolo Successivo

Lavorare nel no profit e nelle ong, come scegliere il proprio percorso professionale

next