Il filmato di pochi secondi, diffuso dalla Polizia di Foggia, mostra i presunti assassini di Rocco Dedda, 47enne foggiano, freddato sotto l’uscio di casa il 23 gennaio scorso nell’ambito della guerra tra il clan a cui era vicino, quello dei Sinisi-Francavilla e quello rivale dei Moretti-Pellegrino-Sanza. È stato colpito con quattro colpi di pistola al petto, mentre in casa c’erano la compagna e i suoi due figli di 3 e 11 anni. Sono immagini che arrivano da alcune delle telecamere di sorveglianza posizionate sia sul luogo dell’omicidio, sia nella zona dove i due sicari hanno incendiato e abbandonato lo scooter utilizzato durante l’agguato. Si notato i killer che si dirigono verso casa della vittima e che poi fuggono a bordo dello scooter. “Chiunque, nella maniera più riservata possibile, sia a conoscenza di informazioni utili ai fini identificativi – riferisce la Polizia – è pregato di contattare noi della Squadra Mobile tramite il centro 113 o per chi abita fuori provincia al seguente numero 0881668111”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gladio, storia dell’accordo segreto tra Cia e Sifar. Ma siamo sicuri che non esista più?

prev
Articolo Successivo

Salvatore Cuffaro, l’ex governatore condannato per mafia va in Burundi a fare il volontario. E apre un profilo Instagram

next