Le filiere agroalimentari (e non solo) descrivono processi produttivi basati sullo scambio finanziario, dove il principale parametro di relazione è subordinato alla capacità di generare speculazione. Tale meccanismo trasforma il consumatore da elemento che innesca la filiera a obiettivo da raggiungere per ottenerne maggior crescita finanziaria. E consegna il lavoratore al processo speculativo.

Spesso dietro a ciò si nascondono illegalità, lavoro nero, caporalato. Ciò che mangiamo tutti i giorni – magari comprato al supermercato sotto casa – è possibile che sia arrivato sulla nostra tavola attraverso lo sfruttamento del lavoro nero che garantisce sacche di illegalità diffusa, a partire dalle nostre eccellenze enogastronomiche senza che nemmeno ce ne accorgiamo.

Così è nato Funky Tomato: un pomodoro di alta qualità prodotto e trasformato in aree ad alto sfruttamento della terra e della manodopera – quali la Campania e la Basilicata – attraverso una filiera partecipata, legale e trasparente.

Come funziona il progetto, dove trovare questi prodotti e perché è nato lo abbiamo chiesto a Domenico Perrotta – ricercatore universitario – tra i coordinatori del progetto.
Interessante anche la Carta degli Intenti scaricabile dal sito.

di Matteo Ponzano

ASCOLTA IL PODCAST DI FQ RADIO

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Automobili, ma perché comprare un suv?

prev
Articolo Successivo

Adolescenti immigrati, sentirsi estranei all’Italia e al Paese d’origine

next