Il governatore della Regione Lombardia, Roberto Maroni, reduce da una storica sconfitta nella sua Varese (dove era candidato come capolista del Carroccio), non nasconde la delusione: “Domani sera andrò a una riunione della Lega a Varese per rincuorare i militanti perché è una botta quella che è stata presa, ce ne rendiamo conto. Ora bisogna capire cosa è successo e lavorare perché non accada più“. Poi continua con una lettura politica del risultato delle amministrative: “La Lega è stata punita? Non è vero, perde chi governava precedentemente. Oggi la spinta al cambiamento prescinde da quello che tu fai come sindaco o come governatore, questo il dato più interessante e anche più preoccupante. Centrodestra e centrosinistra riescono a competere, a volte vince uno a volte l’altro. Ma con quello che è successo (vedi Torino) temo che chiunque vada al ballottaggio con il M5s, vince sempre il M5s, non siamo competitivi”. Poi frena subito gli entusiasmi: “In Regione non cambia nulla, andiamo avanti a governare sino a fine mandato”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Comunali Milano, dopo 31 anni Riccardo De Corato dice addio a Palazzo Marino: “Farò opposizione dalla Regione”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi 2016, Roma metafora del dilettantismo renziano

next