Andate pazzi per i mimi, i clown, gli acrobati old style dal Cirque du Soleil o da Montecarlo o dai più leggendari cabaret parigini? Cercate, dagli spettacoli estivi, anche la luce spontanea e la realtà aumentata dalla sorpresa, e non il solito ripasso scolastico di personaggi e gag televisive trite e ritrite? Allora non mancate alla decima edizione di “Funambolika, il festival internazionale del nuovo circo in programma a Pescara dal 16 al 29 giugno. Niente animali, donne-cannone o stile Barnum. Piuttosto artisti abituati a un dialogo fitto con la voce della luna e con le vertigini e i sogni più reconditi del pubblico. Cultura e intrattenimento con le ali. “Il circo è una specie di specchio in cui la cultura si riflette, condensata e allo stesso tempo trascesa”, per dirla con Paul Bouissac.

Funambolika è una rassegna inventata da Raffaele De Ritis, regista e saggista noto in tutto il mondo, “esponente di punta nel nuovo movimento naturalistico della regia circense”, scrisse di lui il New York Times. De Ritis (adesso è anche il presidente dell’Ente manifestazioni pescaresi) fa parte di quella generazione creativa nota all’inizio del ventunesimo secolo come “nouveau cirque”. Il suo libro “Storia del circo”, del 2008, è stato definito “il più completo e innovatore nel panorama internazionale”.

“Funambolika” festeggia dieci anni e si conferma l’unico appuntamento europeo in grado di coniugare la maestosità del circo classico con la grammatica contemporanea. In passato ha portato a Pescara oltre 200 artisti dai cinque continenti.

Lo zenit lo si toccherà col Gran galà du cirque del 30 giugno. All’opera anche i vincitori del Festival di Montecarlo, come gli acrobati Peres Brothers (per anni solisti al Moulin Rouge) e l’esilarante Starbugs Comedy Trio.

Ad aprire il festival (da giovedì 16 fino a martedì 21 giugno) sarà invece Il Circo Zoè, straordinaria compagnia francese che ha raccolto una gran messe di premi e riconoscimenti: si esibirà dentro un circo all’aperto montato ad hoc, tra arti aeree e musica. A seguire, il 27 giugno, i Black Blues Brothers from Kenya, con la loro fantasmagoria di acrobazie alimentate a rhythm’n blues: un quintetto di acrobati, sbandieratori ed equilibristi africani che sta sbancando in tutta Europa. Il pre-epilogo, mercoledì 29 giugno, con l’anteprima nazionale dello show di una compagnia che ha anteposto Pescara al festival di Avignone: la Blucinque. Qui siamo dalle parti delle ibridazioni tra circo, performance e musica contemporanea. Il concept è un omaggio acrobatico a John Cage: un altro funambolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Festival della Fiaba: niente è ciò che sembra, niente è ciò che è

next
Articolo Successivo

Solo la poesia ci salva

next