Un uomo ha accostato alla sua macchina mentre era fermo ad un semaforo. E lì gli ha sparato otto colpi, uccidendolo. E’ morto così Emanuele Martini, 46 anni, italiano residente in Colombia da sei anni. L’uomo è stato colpito mercoledì 8 giugno a Santiago di Cali, forse per questioni legate a problemi di debiti. Anche se persone a lui vicine smentiscono questa ipotesi: “Non aveva problemi con nessuno – ha raccontato un amico – dicono che sia stato ucciso per una questione di debiti, ma è falso. Viveva con una nuova compagna e qualche volta andava a visitare la suocera nel quartiere El Ritiro, si faceva ben volere”.

Martini, di professione topografo, era emigrato nel paese sudamericano per seguire una donna colombiana, insieme alla quale aveva aperto una panetteria. Ma dopo una serie di problemi con la compagna ed i suoi fratelli, aveva chiuso il negozio e interrotto la relazione. Da tre anni lavorava come autista e, scrivono i giornali, nel 2015 aveva litigato con il proprietario del veicolo che utilizzava per il trasporto di persone. Era scoppiata una rissa, durante la quale era partito un colpo d’arma da fuoco e aveva perso l’occhio sinistro. Dopo quell’episodio si sarebbe rivolto alla Procura ed all’ambasciata italiana a Bogotà. ”

L’Ambasciata, secondo quanto si apprende dalla Farnesina, sta seguendo il caso attivamente sin dal primo momento ed è in contatto con i familiari della vittima sia in Colombia sia in Italia. La salma è ancora a disposizione delle autorità locali per le procedure di rito.

(immagine tratta dal profilo Facebook di Emanuele Martini)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sara Di Pietrantonio, i funerali della ragazza uccisa alla Magliana. La madre: “Combatterò perché sia fatta giustizia”

prev
Articolo Successivo

Salvatore Parolisi, Corte di Cassazione conferma la condanna a 20 anni

next