“Ora si azzera tutto e lo dico a chi pensa di aver già vinto. Chi pensa a una partita già chiusa, si sbaglia. Io intendo giocarmela fino alla fine, fino all’ultimo giorno”. Così il candidato sindaco di Roma del Pd, Roberto Giachetti, dopo l’esito del voto che lo ha portato al ballottaggio con Virginia Raggi del M5S con il 24,85% dei voti, contro il 35,25% della candidata pentastellata. “Rivolgo un appello alla Raggi e al suo staff sul non complicare il ballottaggio, obbligando l’altro a rincorrerla. Facciamo più confronti. Non solo uno, magari fino l’ultimo giorno”. Poi ha aggiunto ai microfoni de ilfattoquotidiano.it: “Io non chiedo incontri con Marchini Fassina. Mi rivolgerò agli elettori, non ad accordi politichesi – ha concluso Giachetti – indicando tra le cause del risultato non brillante del Partito democratico anche la vicenda di Mafia Capitale e la precedente Giunta guidata da Ignazio Marino”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Meloni: “Ho perso ai calci di rigore. Giachetti aiutato da Forza Italia”

next
Articolo Successivo

Bologna, Merola (Pd): “Ballottaggio non è il referendum su Renzi”

next