Un filmato, registrato ad aprile in una prigione di Londra, mostra un carcerato mentre afferra attraverso le sbarre della finestra della sua cella un sacco nero proveniente dall’esterno, trasportato nientedimeno che da un drone. Secondo quanto riportato in un articolo della Bbc, negli ultimi due anni il flusso di merce di contrabbando nelle carceri in Inghilterra e in Galles è più che raddoppiato. Nell’ultimo anno, più di 2mila articoli, tra cui cellulari e sostanze stupefacenti, sono entrati illegalmente all’interno delle prigioni inglesi. Sono i dati forniti dal ministro della Giustizia il quale afferma che bisogna fare di più per limitare questo fenomeno sempre più in crescita, anche grazie all’uso da parte dei malviventi di nuove tecnologie come quella dei velivoli radiocomandati (Video tratto da Twitter)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jobs Act alla francese, ribellarsi alla prepotenza del capitale è lotta di classe

prev
Articolo Successivo

Tempesta di sabba inghiotte la città di Kashgar in Cina

next