“Sapevo che sarei stato nominato procuratore di Catanzaro già da febbraio. A un certo punto ero diventato troppo ingombrante mediaticamente e qualcosa mi dovevano dare. E mi hanno dato la Procura Catanzaro“. Il magistrato Nicola Gratteri nel giorno del suo insediamento si lascia andare a questa considerazione che fa tornare alla mente il momento in cui il magistrato reggino ha ‘rischiato’ di diventare ministro della Giustizia. Un incarico che all’ultimo momento, dopo essersi confrontato con l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, il premier Matteo Renzi non ha poi dato a Gratteri, ma ad Andrea Orlando (Pd). A margine della cerimonia, Gratteri interviene anche in merito alla polemica sull’opportunità dei magistrati di esprimere la propria opinione in vista del referendum costituzionale: “Dobbiamo cercare non solo di essere, ma anche di apparire indipendenti e distanti. Non penso che un magistrato debba fare politica attiva”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Procura di Milano, Legnini spinge per il voto giovedì. “No a rinvio dopo elezioni”

next
Articolo Successivo

Giovanni Serpelloni, il gip: “Era un potere assoluto”. Il “sistema” dell’ex braccio destro di Giovanardi a Palazzo Chigi

next