L’app della chat più popolare al mondo sbarca anche sul desktop dei computer. Fino ad oggi, con un miliardo di utenti attivi, Whatsapp si trovava “solo” sugli smartphone di una persona su 7 in tutto il mondo. La compagnia di proprietà di Facebook ha rilasciato oggi due applicazioni, una per computer con sistema operativo Windows di Microsoft e una per i Mac di Apple, che vanno ad affiancarsi alle app per cellulare.

WhatsApp era già fruibile da 16 mesi dallo schermo del computer. Ma solo via web, senza una app dedicata. “Come succede per WhatsApp Web, la nostra applicazione per computer è semplicemente un’estensione del telefono: l’applicazione rispecchia le conversazioni e i messaggi del dispositivo mobile”, spiegano da WhatsApp. In altri termini, la app consente di sfruttare lo schermo e la tastiera del pc per chattare quando abbiamo un computer a portata di mano, tenendo magari il telefono in tasca. Ma è necessario avere l’applicazione già installata sullo smartphone, con cui quella su pc si sincronizza.

L’applicazione è compatibile con Windows a partire dalla versione 8 fino all’attuale 10. E con i computer Mac con sistema operativo Mavericks, Yosemite ed El Capitan.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Copia privata, l’Europa boccia l’Italia: uno stop che potrebbe costare alla Siae milioni di euro

next
Articolo Successivo

Internet day, ma non c’era anche l’Olivetti?

next