L’app della chat più popolare al mondo sbarca anche sul desktop dei computer. Fino ad oggi, con un miliardo di utenti attivi, Whatsapp si trovava “solo” sugli smartphone di una persona su 7 in tutto il mondo. La compagnia di proprietà di Facebook ha rilasciato oggi due applicazioni, una per computer con sistema operativo Windows di Microsoft e una per i Mac di Apple, che vanno ad affiancarsi alle app per cellulare.

WhatsApp era già fruibile da 16 mesi dallo schermo del computer. Ma solo via web, senza una app dedicata. “Come succede per WhatsApp Web, la nostra applicazione per computer è semplicemente un’estensione del telefono: l’applicazione rispecchia le conversazioni e i messaggi del dispositivo mobile”, spiegano da WhatsApp. In altri termini, la app consente di sfruttare lo schermo e la tastiera del pc per chattare quando abbiamo un computer a portata di mano, tenendo magari il telefono in tasca. Ma è necessario avere l’applicazione già installata sullo smartphone, con cui quella su pc si sincronizza.

L’applicazione è compatibile con Windows a partire dalla versione 8 fino all’attuale 10. E con i computer Mac con sistema operativo Mavericks, Yosemite ed El Capitan.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Copia privata, l’Europa boccia l’Italia: uno stop che potrebbe costare alla Siae milioni di euro

prev
Articolo Successivo

Internet day, ma non c’era anche l’Olivetti?

next