“Sulle riforme costituzionali Renzi ha un unico argomento: io diminuisco il numero dei parlamentari. Questo è quello che capisce la gente”. Questo il parere del direttore de ilfattoquotidiano.it Peter Gomez a Piazza Pulita su La7 dopo che il presidente del Consiglio ha lanciato la corsa verso il referendum costituzionale di ottobre – “Se poi la gente riesce a comprendere che invece vengono presi cento consiglieri regionali e sindaci e viene così data l’immunità parlamentare ai politici più ladri di tutti, magari incomincia a dubitare” – “Non si capisce altrimenti” – continua Gomez – “perché non abbiano abolito il Senato. Forse l’hanno tenuto in piedi perché dovevano dare 100 immunità parlamentari”. Da ultimo: “Per tanti anni Renzi ci ha detto che dovevamo partecipare di più come cittadini, ma questa riforma non prevede più partecipazione, il combinato Italicum – riforma costituzionale restituirà un nuovo parlamento di nominati”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gasparri: “Come seduco una donna? La butto sull’educata conversazione e le chiedo il telefono”

next
Articolo Successivo

Corruzione, Gomez: “Renzi non può delegare ai giudici la selezione della classe dirigente”

next