ASCOLTA – Ai microfoni di FQ Radio la dott.ssa Renata Alleva nutrizionista e biologa, Presidente della sezione provinciale ISDE di Ascoli Piceno (QUI PODCAST)

Alimentazione, il bio conviene per la salute? E se sì, perché I livelli massimi residuali – che sono il criterio di sicurezza con cui vengono immessi i prodotti con residui di pesticidi nel commercio – non tengono conto del multiresiduo (presenza sempre più frequente di tanti pesticidi nello stesso alimento – legambiente report 2015) e così non sono garantiti i bambini, che hanno sistemi di detossificazione “immaturi” rispetto ad un adulto. E’ un vantaggio mangiare un prodotto bio: sono state pubblicate due meta-analisi ed entrambe dicono che con il prodotto biologico si ha minore esposizione a pesticidi altamente tossici, e al cadmio che è un metallo pesante cancerogeno infatti esistono studi su popolazione che evidenziano che passare da una alimentazione non bio a bio riduce sensibilmente i metaboliti urinari di pesticidi e vista la relazione tra salute e pesticidi è già un dato importante.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Petrolio a Genova, il perito non ha dubbi: “Nessuna frana all’origine. Disastro provocato da scoppio del tubo”

next
Articolo Successivo

Sardegna, il collezionista d’isole e lo strano caso di Budelli

next