Al Gran Premio di Formula Uno in Russia la pole position sarà di Nico Rosberg, su Mercedes. Il tedesco, a Soci, fa segnare il miglior tempo con 1.35.417. Penalizzazioni ed errori hanno allontanato la Ferrari dalla prima fila. Sebastian Vettel, infatti, in pista è secondo e distaccato di 0,706 secondi, ma i giudici lo faranno partire dalla settima posizione per la sostituzione del cambio. Kimi Raikkonen, invece, ha compiuto una manovra sbagliata all’ultima curva ed è finito quarto sul cronometro (a 1.246), ma terzo ai posti di partenza. Al secondo posto ci sarà Valtteri Bottas su Williams, a 1.119 da Rosberg. Quindi la griglia sarà Rosberg, Bottas, Raikkonen, Massa (Williams), Ricciardo (Red Bull), Perez (Force India), Kvyat (Red Bull), Verstappen (Toro Rosso). Lewis Hamilton, campione del mondo in carica, non ha neanche preso parte alle qualificazioni per problemi alla power unit della sua Mercedes.

“Avrei preferito un gap più piccolo, ma Nico oggi è andato davvero molto forte. Noi abbiamo fatto il massimo, beneficiando anche di quanto accaduto ad Hamilton” ha commentato Vettel. Secondo il ferrarista “possiamo fare una buona gara anche da quella posizione, la macchina da buone sensazioni e sarà emozionante”. Raikkonen ammette di aver compiuto “un errore all’ultima curva”, assicurando che “in gara andrà meglio”. Soddisfatto naturalmente Rosberg: “Dalla Q2 in poi mi sono sentito alla grande – racconta – ma ovviamente gli altri sono stati molto sfortunati. Questo renderà la mia gara di domani un pò più semplice, anche se una gara in F1 non è mai semplice”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Formula 1, i segreti dell’S-Duct Mercedes

next
Articolo Successivo

Formula 1, Gp di Russia: vince Rosberg, è il quarto successo di fila. Poi Hamilton e Raikkonen. Vettel tamponato due volte

next