Che bisogno c’era di lanciare un programma di corsi di giornalismo in un Paese che già abbonda di scuole, master e facoltà di Scienze della comunicazione? Ci siamo posti la domanda, qui al Fatto Quotidiano, e ci siamo risposti che c’è una grande offerta di teoria e una altrettanto grande penuria di pratica. Fin dall’inizio, nel 2009, il Fatto è stato un giornale che ha visto lavorare fianco a fianco giornalisti di fama e giovani che da loro potevano apprendere ogni giorno come si lavora. Poi, partito su carta, il Fatto ha dovuto imparare in fretta a muoversi sul web e, sotto la guida di Peter Gomez, è diventato un successo digitale.

Ci è sembrato utile mettere a disposizione questo processo continuo di apprendimento e condivisione di conoscenze, in una scuola che abbiamo scelto di intitolare al nostro collega appena scomparso, Emiliano Liuzzi. È dedicata a chi vuole fare il giornalista, o già lo è e vuole approfondire, ma anche ai lettori curiosi di capire i meccanismi dell’informazione. A piccoli gruppi, per garantire il massimo dell’interazione con i docenti.

Intendiamoci: non è una scuola di giornalismo che garantisce un lavoro, un praticantato o una collaborazione. Questo settore è già pieno di venditori di illusioni. Noi ci limitiamo a condividere con voi idee e competenze, visto che il Fatto è nato dall’idea che per l’informazione indipendente e autorevole un mercato ci sarà sempre. Il corso inaugurale (tutto esaurito) lo ha tenuto il vicedirettore Marco Lillo con Primo Di Nicola (che sul fattoquotidiano.it cura la sezione Palazzi e Potere), sabato scorso nella sala riunioni della redazione di Roma dove nasce, ogni giorno, il giornale. Sono arrivati giornalisti e lettori da tutta Italia per la lezione di Lillo e De Nicola sul giornalismo di inchiesta: come si usano le banche dati, come si verificano le notizie, quali sono i passaggi per passare da un’indiscrezione a un solido scoop.

I corsi sono articolati su moduli di tre ore, costano 85 euro ciascuno (i membri del Fatto Social Club e gli abbonati hanno sconti del 30 per cento). I docenti mandano via email agli iscritti articoli e documenti, così i partecipanti possono arrivare preparati, molti corsi prevedono esercitazioni pratiche e la correzione degli articoli redatti dopo, secondo le indicazioni date al corso. A Roma si parlerà soprattutto di giornalismo di inchiesta, a Milano di web: il 7 maggio il direttore del fattoquotidiano.it Peter Gomez spiegherà “come scrivere in digitale”, il nostro social media manager Vincenzo Russo invece come si usano Facebook, Twitter e gli altri canali di diffusione delle notizie, Monica Belgeri ed Erminia Guastella vi introdurranno ai segreti della pubblicità online e della Seo (Search Engine Optimization, come farsi trovare da Google).

A Roma i prossimi appuntamenti sono sabato 30 aprile (c’è ancora qualche posto disponibile). Valeria Pacelli racconterà i rapporti con le fonti (avvocati, magistrati, investigatori) e – con l’aiuto del Gip del Tribunale di Roma Stefano Aprile – spiegherà come si maneggiano le intercettazioni telefoniche, cosa si può pubblicare e cosa no, si finisce con un’esercitazione pratica su un verbale. Paola Zanca, la nostra responsabile della Politica, racconterà come si possono scoprire i segreti del Palazzo: basta un pc e sapere dove cercare tra resoconti stenografici, statistiche e bollettini. I corsi già in programma sono tanti, li trovate su www.ilfattosocialclub.it. E presto annunceremo nuovi appuntamenti con il direttore Marco Travaglio e con il fondatore Antonio Padellaro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Il Fatto Social Club, la nuova sfida che possiamo vincere insieme. Parola d’ordine: partecipazione

next
Articolo Successivo

Renzi, il podestà e la marcia su Catania

next