Facebook dovrà comunicare ai suoi utenti tutte le informazioni che li riguardano: informazioni personali, fotografie e post. Anche quelle che vengono condivise dai falsi account, i cosiddetti fake: è la prima pronuncia dell’Autorità italiana sul colosso statunitense. Il Garante per la protezione dei dati personali, accogliendo il ricorso di un utente del social network vittima di stalking e di sostituzione di persona sul suo profilo Facebook, ha stabilito che l’azienda di Mark Zuckerberg dovrà mettere a disposizione degli utenti qualunque dato li riguardi, e anche bloccare i profili fake sui quali vengono diffusi dati sensibili all’insaputa dei diretti interessati, ai fini di permettere un eventuale intervento da parte della magistratura.

Con questa prima pronuncia nei confronti del colosso del web il Garante afferma la propria competenza a intervenire a tutela degli utenti italiani: secondo quanto stabilito dall’Autorità, inoltre, il social network dovrà fornire all’iscritto, in modo chiaro e comprensibile, informazioni anche sulle finalità, le modalità e la logica del trattamento dei dati, e i soggetti cui sono stati comunicati o che possano venirne a conoscenza.

Il Garante ha accolto le tesi di un utente italiano ricorrente ritenendolo, in base alla normativa italiana, legittimato ad accedere a tutti i dati che lo riguardano compresi quelli presenti e condivisi nel falso account, e ha quindi ordinato a Facebook di comunicare all’interessato tutte le informazioni richieste entro un termine preciso. L’Autorità “non ha invece ritenuto opportuno ordinare alla società la cancellazione delle informazioni, poiché esse potrebbero essere valutabili in sede di accertamento di possibili reati. Ha di conseguenza imposto a Menlo Park di non effettuare alcun ulteriore trattamento dei dati del ricorrente e di conservare quelli finora trattati ai fini della eventuale acquisizione da parte dell’autorità giudiziaria”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Arcigay al corteo del 25 aprile a Riccione con le bandiere, attacchi in rete: “I partigiani si rivoltano nella tomba”

next
Articolo Successivo

Reggio Emilia, la rivolta dei migranti per “la scarsa qualità della mensa”. Assessore Pd: “Da calci nel culo”

next