Sequestrato per riavere una partita di droga: è successo a Roma a un bambino di nove anni, rapito da quattro persone per farsi riconsegnare dalla madre una partita di stupefacenti del valore di 5mila euro. Il bambino è stato liberato dopo 48 ore dalla polizia, che ha arrestato quattro persone: oltre a Paola Condemi, la figlia Francesca Ricci e la proprietaria dell’appartamento Sonia Cataldi, tra gli arrestati c’è anche, Mirco Ricci, pluripregiudicato romano di 25 anni, conosciuto come “The Predator” e campione italiano di pugilato, recentemente finito sulle pagine dei giornali per la rissa seguita all’incontro con l’ucraino Serhiy Demchenko. Nel 2014 era stato anche gambizzato in auto dopo un incontro di pugilato.

Le indagini sono iniziate dopo che la madre si è presentata agli uffici della squadra mobile per denunciare la scomparsa del figlio: è stata lei a spiegare agli agenti che il bambino era stato rapito a scopo di estorsione. Subito dopo il sequestro, infatti, i quattro avevano portato il bambino in un nascondiglio e da quel momento avevano più volte minacciato la madre di uccidere il bambino se questa non avesse riportato loro la droga: “Se non paghi non lo rivedi più. Lo ammazziamo”, le avrebbe detto Ricci.

Le indagini della Squadra Mobile con la Procura di Roma hanno permesso di individuare il covo nella periferia ovest di Roma, in via di Val Cannuta: qui gli agenti hanno effettuato alcune perquisizioni in un residence, riuscendo a trovare il minore e i suoi sequestratori. Gli arrestati sono tutti accusati di sequestro di persona a scopo di estorsione, aggravato dalla minore età del sequestrato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, a 500 anni dal “Ghetto” gli ebrei potranno spostarsi anche al sabato

next
Articolo Successivo

25 Aprile, i 10 luoghi della Resistenza dove cantare “Bella Ciao”

next