Una battaglia per la privacy in nome del primo emendamento sulla libertà di parola e del quarto, che stabilisce il diritto per le persone e per le imprese di essere informate se il governo perquisisce o sequestra le loro proprietà. Microsoft invoca la Costituzione americana e cita in giudizio il dipartimento di giustizia Usa per fermare il suo tentativo di costringerla a rendere noti le email e altri dati dei clienti senza che essi ne siano messi a conoscenza.

Così, dopo Apple, anche il colosso di Bill Gates si oppone alle richieste del governo, che così violerebbe la riservatezza dei cittadini e, di conseguenza, la Costituzione. La causa è stata depositata ieri in un tribunale del Distretto occidentale di Washington.

Nel caso di Cupertino, il braccio di ferro con l’amministrazione si era consumato in seguito alla strage di San Bernardino in California. In questo caso, la società – nonostante l’ordine del giudice – si era rifiutata di fornire volontariamente l’aiuto richiesto dall’Fbi per entrare nello smartphone del killer Syed Rizwan Farook. Alla fine, però, i federali sono riusciti comunque a sbloccare il dispositivo e ad ottenere le informazioni desiderate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

iPad Pro 9.7, test e prova d’uso del Fatto.it: lo schermo si adatta alla luce dell’ambiente

prev
Articolo Successivo

Privacy, a chi affidiamo i nostri dati? La sacrosanta battaglia di Apple

next