Prendi calciatori famosi e piloti da corsa, poi inverti i ruoli. Viene fuori il Dream Job Swap, come lo chiama la Nissan. Ma soprattutto una giornata particolare in cui i campioni del Manchester City hanno “ceduto” i propri scarpini ai driver della Nissan GT Academy, ricevendo in cambio tute, guanti e caschi.

Poi David Silva, Bacary Sagna, Eliaquim Mangala e Fernando sono scesi in pista (anziché in campo) al volante di una Nissan Juke Nismo Rs, affiancati dai piloti “veri”, correndo testa a testa in una reale sessione di prove motoristiche.

Solo una trovata promozionale? In parte si, anche perché la casa giapponese è sponsor della Champions League. Ma l’idea dello scambio di ruolo è stata anche ispirata da uno studio commissionato da Nissan in cui emerge che un ragazzo su cinque, di età compresa tra 9 a 13 anni, considera un sogno la carriera di calciatore professionista.

E poco meno di uno su sei (il 16%), crede che quella del calciatore sia la carriera più esaltante, mettendola in cima al sondaggio. Seguita da più di un quarto (26%) che ha votato il calciatore come il lavoro più emozionante al mondo.

I giovani sognano anche di seguire il percorso di piloti della Nissan GT Academy, con il 64% dei 1.000 intervistati che evidenzia come “imparare a guidare” sia un traguardo esaltante, con la figura del pilota al secondo posto (19%) tra i lavori più emozionanti al mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio stradale, “gli arresti obbligatori per la nuova legge? Circa 150 all’anno”

next
Articolo Successivo

Ferrari, il grande gioco della successione Felisa lascia, Marchionne è in pole

next