Salvo Riina non è il primo figlio di un mafioso che decide di parlare alle telecamere. Nel 2012, la giornalista Dina Lauricella intervista Angelo, figlio del super boss Bernardo Provenzano. Tanti i temi trattati nel corso dell’intervista: la latitanza, lo Stato, Falcone, Borsellino e la malattia del padre: “La verità processuale dice che mio padre è stato capo di Cosa Nostra. Preferisco parlare di verità processuali, perché la verità è un altro conto“. Inizia così l’esclusiva rilasciata a Servizio Pubblico al maggiore dei figli del capomafia dei corleonesi. Intervista citata anche a ‘Che tempo che fa‘ (Rai3) da Roberto Saviano che, paragonandola a quella realizzata da Bruno Vespa al figlio di Totò Riina, ha affermato: “Il figlio di Provenzano aveva di fronte una giornalista consapevole” (guarda l’intervista integrale)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, ex vertici Finmeccanica condannati in appello: la ricostruzione del processo

next
Articolo Successivo

Intercettazioni, Travaglio a Servizio Pubblico: “Negli ultimi 20 anni solo due casi di violazione della privacy”

next