“Il vero arricchimento è aprire la finestra e trovare ogni mattina un panorama diverso”. Cristiano Fabris si racconta da Milano, “ma tra un paio d’ore parto per Viareggio”. Già, perché questo 43enne di Torino da un anno e mezzo vive su un camper. Una scelta così drastica non è mai frutto del caso: “È successo qualcosa che ha cambiato la mia vita e a quel punto è la vita che ha cambiato me”, racconta a ilfattoquotidiano.it. È il settembre 2014 quando il suo compagno sale sul camper – a quel tempo destinato solo alle vacanze – e gli comunica che la loro storia è finita. “Sono cose che capitano a tutti – sottolinea – se non fosse che cinque giorni prima avevo lasciato il mio lavoro a tempo indeterminato per seguirlo nella sua città”. A quel punto trasferirsi sul camper diventa una necessità: “Avevo un mutuo di trent’anni sulle spalle e l’unico modo per pagarlo era tenere la casa affittata – spiega -, e poi non avevo alcuna intenzione di tornare da mamma e papà”.

Così decide di cambiare vita e ricominciare da zero: “Ho passato sei mesi a mettere insieme i cocci, poi ho deciso di ripartire dalle mie due più grandi passioni: il camper e la scrittura”, ricorda. E nel frattempo riesce anche a scrivere e pubblicare il suo primo libro Ci aggiorniamo. Manuale per imparare a conoscere e a difendersi dal Milanese adottato. Ma fino a quel momento per Cristiano la scrittura era stata solo un passatempo: “Da alcuni anni collaboravo con siti e testate che si occupano di motori, ma non avevo mai considerato il giornalismo un lavoro”, ammette.

“È successo qualcosa che ha cambiato la mia vita e a quel punto è la vita che ha cambiato me”

 

La nuova vita a quattro ruote gli fa capire che quella passione può trasformarsi in un’occupazione vera e propria: “All’inizio mi proponevo alle testate per seguire gli eventi più importanti per loro – spiega -, ora invece sono quasi sempre io a decidere dove andare, mi lascio trasportare da quello che voglio raccontare”. Poi ci sono gli eventi eccezionali. “Le agenzie hanno battuto la notizia della strage di Parigi alle 22.40 – ricorda – io alle 22.50 ero già partito per la capitale francese e dopo sei ore ero sul posto”.

Ora Cristiano ha capito che la mobilità è il vantaggio maggiore che ha sugli altri colleghi, ma i primi tempi non è stato facile mantenersi. Così ha deciso di sposare la filosofia della sharing economy: “Ho dato passaggi attraverso BlaBlaCar, organizzato cene su Gnammo, condiviso i miei attrezzi sportivi – ricorda -, insomma, mi sono rimboccato le maniche”. Con il passare dei mesi le cose si sono sistemate: “Certo, gli inconvenienti ci sono di continuo – ammette -, dalla stufa che si rompe nel cuore della notte, alla difficoltà di trovare piazzole di sosta degne di questo nome, purtroppo l’Italia non è ancora pronta per chi decide di vivere come me”.

” Io ora ho capito che se non stai bene con te stesso, non puoi pretendere di stare bene in mezzo agli altri”

 

Difficoltà a parte, in questo anno e mezzo ha già percorso 90mila chilometri: “La trasferta a Capo Nord in pieno in inverno è quella che più mi porto nel cuore, ero a -26 gradi dentro al mio camper e lì ho finalmente capito cosa vuol dire essere padrone dei miei spazi”, ammette.

Ma i suoi come hanno preso questo cambio di vita? “All’inizio i miei genitori mi dissero di trovarmi un altro lavoro, mi dicevano: cosa succederà se starai male o quando invecchierai?”, ricorda. Cristiano ha deciso comunque di portare avanti la sua personale rivoluzione: “Non mi hanno dato supporto, ma so che potrò sempre fare affidamento su di loro”, spiega. E in questo modo ha anche imparato a fare i conti con la solitudine: “Per anni ho vissuto a Milano e non rinnego nulla – ammette -, ma ora ho finalmente imparato a distinguere i veri amici dagli opportunisti”.

D’altronde anche il silenzio può essere un ottimo compagno: “Spesso le persone hanno paura di restare sole perché non sono capaci di ascoltarsi e di seguire le loro passioni – spiega -, io ora ho capito che se non stai bene con te stesso, non puoi pretendere di stare bene in mezzo agli altri”. E in questo modo anche il futuro smette di fare paura: “Oggi vivo finalmente alla giornata, senza stare a pensare a quello che succederà domani”, ammette. Un sogno nel cassetto, però, ce l’ha anche lui: “Appena avrò messo da parte un po’ di soldi comprerò un camper più bello”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Papa Francesco non è un progressista. Ma nella sua Chiesa c’è posto per tutti

next
Articolo Successivo

Olio di palma, ma perché i ragazzini sono assuefatti ai sapori industriali?

next