“Sono orgoglioso della nostra squadra per il raggiungimento di questo traguardo: ora ogni messaggio, foto, video, file e messaggio vocale inviato è crittografato per impostazione predefinita, se utilizzate l’ultima versione della nostra app. Anche le chat di gruppo e le chiamate vocali sono cifrate”. Così Jan Koum, fondatore della piattaforma di Whatsapp, ha annunciato sul suo profilo Facebook la svolta della compagnia: tutti i messaggi e le chiamate vocali che passeranno sulla piattaforma saranno automaticamente criptati, garantendo così una protezione maggiore per il suo miliardo di utenti nel mondo, sulla scia di quanto già fanno servizi di chat come Telegram.

Un segnale che Whatsapp ha voluto dare dopo le polemiche tra Fbi e Apple nelle indagini del killer di San Bernardino, visto che Cupertino aveva negato agli investigatori l’accesso ai dati del telefono dell’attentatore. “Riconosciamo il lavoro importante delle forze dell’ordine nel tenere le persone al sicuro – scrive Whatsapp sul suo sito – ma gli sforzi per indebolire la cifratura dei dati espongono le informazioni delle persone all’abuso dei cybercriminali, hacker e Stati canaglia”.

Nessuno, sottolinea il blog della compagnia, potrà entrare nei messaggi inviati, “nemmeno regimi repressivi oppure noi stessi”. Dal suo profilo facebook, poi, Koum insiste sulla necessità di garantire sicurezza agli utenti, perché “ci permette di connetterci con chi amiamo”. In più, continua il fondatore, “il desiderio di proteggere la comunicazione privata delle persone è uno dei principi base di WhatsApp e, per me, è una questione personale. Sono cresciuto in URSS durante il regime comunista e il fatto che la gente non potesse parlare liberamente è uno dei motivi che ha spinto la mia famiglia a trasferirsi negli Stati Uniti“. E conclude: “Siamo felici di fare la nostra parte nel mantenere le informazioni delle persone fuori dalla portata di hacker e criminali informatici“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Strage di San Bernardino: nel braccio di ferro tra Apple e Fbi chi ha perso siamo noi

prev
Articolo Successivo

Qathome, app che fa le code per l’utente: dal medico alla banca, fino alla pizzeria

next