La British Petroleum pagherà 20 miliardi di dollari di risarcimento per il più grave disastro ambientale della storia americana. Si chiude così il caso “Marea nera”: un giudice federale ha approvato in via definitiva il risarcimento chiudendo anni di controversie legali per la fuoriuscita di petrolio nel Golfo nel Messico nel 2010.

L’accordo sulla cifra era già stato annunciato in luglio. Il disastro ambientale, il più grave della storia americana, era stato causato da un incidente alla piattaforma petrolifera Deepwater Horizon della British Petroleum, nel quale morirono 11 operai. Cinque gli Stati Usa danneggiati dalla marea nera.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Io rovinato per aver fatto il mio dovere. E per aver raccontato i veleni del petrolio in Basilicata prima di tutti”

prev
Articolo Successivo

Inchiesta petrolio, Noe acquisisce migliaia di cartelle cliniche per verificare tumori

next