Karim Franceschi è un ragazzo di 26 anni che vive a Senigallia in provincia di Ancona (autore anche del libro Il combattente). Una vita simile a molti suoi coetanei, con il diploma al liceo classico e un lavoro da agente immobiliare. All’inizio di gennaio, però, tutto cambia: Karim parte per la Siria per combattere lo Stato Islamico. Un sogno in testa, quello di seguire le orme del padre, protagonista della ‘Resistenza’ sui monti della Toscana, e la realtà di una guerra sanguinaria, dove non c’è pietà neppure per i civili. Karim rimane con i combattenti curdi per tre mesi e oggi racconta: ”Il mio cuore – racconta ai micrfoni di Servizio Pubblico – l’ho lasciato là insieme ai miei fratelli, a Kobane”. L’intervista di Viviana Morreale per Servizio Pubblico

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Servizio Pubblico, Jebreal: “L’Isis produce 90mila tweet al giorno, un arsenale mediatico”

prev
Articolo Successivo

Servizio Pubblico, i pescatori contro le trivelle: “Il mare è nostro”

next