“Sinceramente non sono più giovane ma se c’è da tagliare qualche testa islamica per tutelare i miei figli de nada problems basta che mi fate il machete di Tejo. Ho vissuto fin troppo, diamoci da fare per gli altri e la sicurezza dei bimbi”. E’ stato il consigliere comunale Pd di La Spezia Enrico Conti a scrivere su Facebook questa parole, subito dopo gli attentati di Bruxelles in cui sono morte 32 persone.

Le parole di Conti, che è anche vicesegretario del Partito democratico locale, hanno subito creato numerose polemiche. Tanto che il consigliere ha poi pubblicato un secondo post per cercare di spiegare il suo “ragionamento”. “Faccio seguito a questo commento”, ha scritto sempre su Facebook, “e a un altro di altra natura sempre postato ieri sera per significare che è mia abitudine su alcuni argomenti postare due linee di pensiero per comprendere l’umore e le tendenze dei miei amici virtuali. Se poi tra loro ci sono degli speculatori non è colpa mia. A tal proposito valuterò nelle competenti sedi tali comportamenti, precisando che ho l’onore di vantare amicizie con persone di religione musulmana e non solo che danno un notevole contributo alla nostra collettività”.

In realtà sulla pagina Facebook del consigliere comunale non mancano altre dichiarazioni simili che già in passato hanno fatto discutere. Solo il 21 marzo infatti Conti aveva pubblicato un articolo (la cui fonte non è verificata) in cui si parlava di una donna che avrebbe messo nel forno la figlia di 2 anni. “Accendete un forno crematorio”, ha commentato Conti, “e fiondatecela dentro. Poi gli autori vengano da me che li difendo gratis”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Terzo Settore, la riforma al Senato slitta ancora: il voto finale dopo Pasqua perché manca il numero legale

next
Articolo Successivo

Acea, Raggi: “Cambierò i vertici”. Il Messaggero attacca: “Ha fatto crollare titolo”. Il Pd si accoda: “Una dilettante”

next