Le drammatiche immagini, riprese dalla videosorveglianza dell’antico mercato della città di Smirne, in Turchia, mostrano un venditore di strada rincorrere e aggredire violentemente un rifugiato siriano di 6 anni. Il mercante insegue, acciuffa il bambino e poi lo sbatte violentemente a terra. Ma il gesto dell’uomo non è rimasto inosservato e ha subito provocato la reazione dei presenti che lo hanno assalito chiedendo spiegazioni. L’uomo, il 35enne Musa S., è stato subito arrestato dalla polizia con l’accusa di “lesioni intenzionali”. Secondo quanto riferito dall’ambulante agli agenti, il bambino avrebbe spinto il suo carretto contro una donna, scatenando così la furia dell’uomo. A seguito di un’indagine partita dall’ufficio del pubblico ministero di Smirne  è stato possibile identificare il bambino. Si tratta di Hasan Hantuman, la cui famiglia si è trasferita 4 anni fa in Turchia da Aleppo (Siria). Il governatore provinciale di Smirne, Mustafa Toprak, ha fatto visita alla famiglia di Hasan portandogli le scuse ufficiali e un regalo: una bicicletta nuova a nome del presidente della turchia, Recep Tayyip Erdoğan

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Costa d’Avorio, Al Qaeda colpisce Francia nel Golfo di Guinea: il suo jihadismo “politico” contro quello ideologico di Isis

prev
Articolo Successivo

Insulti razzisti, l’autista lo fa scendere. Ma lui sclera e si scatena contro il parabrezza

next