Cir, la holding della famiglia De Benedetti, nel 2015 ha registrato un utile di 42 milioni di euro, a fronte della perdita di 23,4 milioni del 2014. E si prepara a distribuire un dividendo di 0,044 euro per azione ai soci, a partire dalla Cofide controllata da Rodolfo, Marco ed Edoardo De Benedetti attraverso la Fratelli De Benedetti sapa. Il gruppo a cui fanno capo Espresso e Repubblica, che all’inizio di marzo ha chiuso un accordo con Fiat e Itedi per l’acquisto di Stampa e Secolo XIX, deve il ritorno al “nero” all’aumento del margine operativo lordo della partecipata Sogefi, che vende componentistica auto anche alla stessa Fiat (115,5 milioni contro i 109,5 del 2014), e di Kosche opera nel settore della sanità con ospedaliresidenze per anziani, centri di riabilitazione, cliniche psichiatriche e comunità terapeutiche. Ha contributo anche la plusvalenza di 41 milioni derivante dalla cessione per 64 milioni del 17,4% in Swiss Education Group, gruppo svizzero che si occupa di formazione manageriale.

I ricavi del gruppo presieduto da Rodolfo De Benedetti sono ammontati a 2,5 miliardi, in crescita del 6,3% rispetto ai 2,39 del 2014. Aumento, spiega la nota del consiglio di amministrazione guidato da Monica Mondardini, “trainato da Sogefi e Kos, che hanno conseguito crescite rispettivamente dell’11,1% e 11,9%”. Kos, che ha visto l’ebitda salire da 60,4 a 76,3 milioni e l’utile netto da 12,3 a 19,8 milioni, si avvia verso il riassetto: il 10 marzo il consiglio di amministrazione del fondo F2i ha dato il via libera all’acquisto del 37% della società dal private equity francese Ardian. Cir a sua volta rileverà una parte della quota di Ardian salendo a circa il 63% e diventando, a valle dell’operazione, socia del fondo partecipato da Cassa depositi e prestiti, le fondazioni bancarie, Intesa e Unicredit e alcune casse previdenziali. Anche per Sogefi, che ha visto il risultato netto scendere da 3,6 a 1,1 milioni, è allo studio un piano di rilancio che mira ad aumentarne la redditività “del tutto insufficiente”.

Nel complesso, il margine operativo lordo di Cir è stato di 218 milioni, in aumento del 10,9% rispetto ai 196,8 del 2014. L’indebitamento finanziario netto consolidato al 31 dicembre 2015 ammontava a 121,7 milioni rispetto a 112,8 del 2014 e la posizione finanziaria netta della capogruppo era positiva per 417,9 milioni, dai 379,5 di fine 2014. Nel 2014 come è noto il gruppo si è anche liberato della zavorra Sorgenia: la società energetica, affossata dai debiti, è passata sotto il controllo delle banche creditrici.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Borse in spolvero il giorno dopo le mosse di Draghi. Milano maglia rosa a +4,8%, volano le banche

next
Articolo Successivo

Volkswagen, tagliato anche il rating etico. Ex dipendente licenziato accusa: “Ha distrutto prove del Dieselgate”

next