Nuovi guai per le multinazionali dell’alimentare. La Nestlé ha richiamato quasi 3 milioni di prodotti refrigerati di pizza e pasta venduti negli Stati Uniti e in Canada che potrebbero contenere pezzetti di vetro. Problema analogo per la birra Corona Extra che sta per essere richiamata perché sono stati trovati pezzi di vetro.

La Nestlé ha deciso il richiamo dopo che diversi clienti americani hanno informato l’azienda di aver trovato del vetro negli alimenti incriminati. Mentre, fino ad ora, non sono arrivate segnalazioni dal Canada, come indica un comunicato pubblicato sulle pagine internet dei due Paesi del gruppo alimentare. I prodotti colpiti negli Usa sono cinque e sono le pizze DiGiorno e Lean Cuisine oltre ad alcuni ravioli, lasagne e soufflé. In Canada, il richiamo riguarda delle preparazioni del marchio Delissio Pizza.

Per quanto riguarda le birre, i lotti interessati sono il numero ” A116A074 e A256C148 “, distribuita negli Stati Uniti dalla Constellation Brands Division Birra che ha proceduto ad un richiamo volontario. “Questa procedura riguarda un numero limitato di bottiglie di birra potenzialmente interessate e rappresentando meno di un decimo della bottiglie di birra Corona 12 once trasparenti extra immesse sul mercato”, ha dichiarato la società in un comunicato stampa raccomandando alle persone che detengono prodotti appartenenti al lotto sopra descritto di non consumare e distruggerli, o di chiederne il rimborso.

A fine febbraio, Mars aveva richiamato alcuni prodotti in 55 Paesi dopo che una cliente tedesca aveva trovato un pezzo di plastica in una barretta di cioccolata. Non sono stati segnalati incidenti. Secondo la Nestle Usa il vetro potrebbe provenire dagli spinaci usati nei prodotti. La società esclude che i prodotti oggetto del ritiro siano stati importati nel nostro Paese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Napoli, niente sale operatorie disponibili: muore donna di 42 anni

next
Articolo Successivo

Civis Bologna, Corte dei conti: a giudizio l’ex sindaco Guazzaloca e due ex presidenti Atc

next