Carne ritirata dagli scaffali perché può contenere frammenti di metallo. L’Esselunga ha chiesto di togliere dai suoi punti vendita le vaschette di “salsiccia in punta di coltello“, etichettata come “salsiccia fresca di puro suino a macina grossa, imballata in vaschetta con film plastico trasparente, peso netto 300/400 g ca.”. Sul suo sito la catena di supermercati scrive che “è stata segnalata la presenza accidentale di frammenti metallici” e invita i clienti che hanno acquistato il prodotto a non consumarlo e a “riportarlo al punto vendita” per ottenere il rimborso. Il prodotto proviene dall’azienda Agricola Tre Valli Soc. Coop. e Esselunga l’ha solo “porzionato e preincartato”. Da riconsegnare le confezioni preicartate dal 12 al 23 febbraio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mobbing, Provincia condannata tre volte. Ma la funzionaria resta relegata in una stanza di 8 metri quadri senza finestra

next
Articolo Successivo

Papa Francesco: “La Chiesa non ha bisogno di soldi sporchi”

next