I ragazzi italiani scelgono i licei, snobbano i professionali e non fanno fare nessun salto ai tecnici. Ieri si è chiuso il termine per scegliere la scuola dopo la secondaria di primo grado. Quasi tutte le famiglie, sette su dieci, sono riuscite a compilare online la domanda risparmiando tempo.

Ancora una volta a conquistare il primo posto nella classifica delle preferenze sono i licei: li ha scelti il 53,1% degli studenti, l’1,2% in più rispetto allo scorso anno. A fare la parte del leone è soprattutto lo scientifico, scelto dal 24,5% dei neo iscritti, per un totale di oltre 110.000 ragazzi.

Tra i diversi indirizzi di questa scuola i ragazzi prediligono quello tradizionale (15,5%) ma bisogna sottolineare il balzo in avanti dell’opzione “scienze applicate” che passa dal 6% dell’anno scolastico precedente al 7,6% di quest’anno. Non sembra riscuotere successo, invece, l’indirizzo sportivo scelto solo dall’1,4% dei tredicenni. Sotto il tetto dei “licei” restano sostanzialmente invariate le preferenze al classico (6,1%), al linguistico (9,2%), all’artistico (4,1%), a quello delle scienze umane (7,6%) così ai licei musicali che sembrano non prendere piede (0,9%) in Italia.

A optare per i licei sono soprattutto i giovani che vivono nel Lazio (64,9%). Seguono l’Umbria, la Liguria e l’Abruzzo. Il Veneto chiude la classifica dei licei ma apre quella dei tecnici con il 37,5% dei ragazzi che individuano in queste scuole il loro futuro. E’ il Nord a trainare questi istituti: al secondo posto si piazza il Friuli Venezia Giulia e al terzo la Lombardia. In quest’ultima regione, la provincia di Sondrio presenta persino la più alta percentuale di iscritti ai tecnici rispetto ai licei e nella provincia di Lodi la differenza tra le due scuole si azzera.

Restano comunque inutili gli appelli nei confronti dei tecnici fatti dal mondo delle imprese e persino dall’ex presidente del Consiglio Romano Prodi che in una recente intervista al Sole24Ore spiegava: “Il nostro Paese ha bisogno di un forte rilancio dell’istruzione tecnica. O noi rendiamo chiaro che l’istruzione tecnica applicata è la condizione della sopravvivenza della struttura produttiva italiana o la nostra industria è destinata a scomparire”.

Nonostante l’equazione tecnico uguale occupazione sicura – secondo AlmaDiploma a un anno dal titolo il 44% dei ragazzi che hanno preso un diploma tecnico lavora – a scegliere queste scuole sono ancora pochi: erano il 30,5% dei ragazzi lo scorso anno, sono il 30,4% nel 2016/2017. L’unico settore che registra in questo campo un incremento è il tecnologico che attrae i giovani.

Brutte notizie, invece, per i professionali. Sono sempre meno i ragazzi che scelgono questo percorso: il 16,5%. In particolare a calare è il corso dei “Servizi” che ottiene il 10,5% contro il 10,9% dell’anno precedente. A scegliere i professionali sono i ragazzi della Basilicata (20,1%) seguiti da quelli della Campania (19,1%) e della Puglia (18,4%).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia liquida: lo spettacolo che aiuta gli studenti a capire la criminalità

next
Articolo Successivo

Scuola, arabo obbligatorio. Perché no?

next