Una svolta sul destino del carcere militare di GuantanamoBarack Obama presenta oggi al Congresso il piano della Casa Bianca e del Pentagono per la chiusura del supercarcere. A confermarlo è il portavoce del Pentagono, il capitano Jeff Davis, che ha detto che l’amministrazione intende rispettare la scadenza della giornata di oggi e presentare una “proposta dettagliata”. Una chiusura che il presidente degli Stati Uniti promise nella campagna elettorale del 2008 e confermò subito dopo l’inizio del suo mandato il 20 gennaio 2009. Obama vorrebbe realizzare la sua promessa prima della fine della sua seconda e ultima presidenza, sfidando il partito Repubblicano che detiene la maggioranza in parlamento e che ha già annunciato battaglia.

Al momento nel penitenziario situato nella base navale americana sull’isola di Cuba ci sono ancora 91 detenuti e circa duemila tra civili e personale delle forze armate statunitensi. La decisione di Washington viene motivata con gli elevatissimi costi della struttura e con il fatto che viene utilizzata dalla propaganda dell’estremismo islamico per reclutare adepti. Una parte dei prigionieri, secondo il Pentagono, verrà trasferita in altri Paesi, mentre i restanti detenuti – quelli giudicati troppo pericolosi – potranno essere trasferiti in penitenziari su territorio statunitense, trasferimento che il Congresso ha vietato nel 2011. Il piano, però, non renderà noto i nomi dei luoghi di detenzione alternativa su suolo americano, anche perché l’amministrazione a guida democratica vuole evitare di alimentare qualsiasi clamore politico su siti specifici nel corso dei mesi che precedono le elezioni presidenziali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olanda, scontro tra treno passeggeri e gru: un morto e sei persone ferite

next
Articolo Successivo

Migranti, imbuto balcanico: Austria limita gli ingressi e gli Stati dell’ex Jugoslavia chiudono le frontiere: bloccati in 10mila

next