Angelino Alfano gongola, e in merito al possibile accordo di maggioranza sulle unioni civili annunciato dal premier Renzi nel corso dell’Assemblea nazionale del Pd, commenta: “Finalmente prevale il buon senso”. Una soluzione che stralcerà dal ddl Cirinnà le norme sulla stepchild adoption, che le associazioni Lgbt hanno ribadito essere il “cuore della legge”. Alfano, a Milano per sostenere il candidato sindaco del centrodestra Stefano Parisi, non fa una piega: “Tanto la stepchild è inutile, perché le leggi esistenti consentono già di tutelare la continuità affettiva per i casi esistenti, punto. Per quelli che dovessero verificarsi, non potrebbero che verificarsi attraverso l’utero in affitto che noi proponiamo diventi un reato universale, cioè punito penalmente in Italia anche se commesso all’estero”. Insomma, il leader di Ncd incassa e porta a casa, tanto che parlargli di canguri lo fa sorridere: “Stiamo parlando alla memoria del canguro”, risponde a chi gli domanda se come strategia gli sembri rispettosa del Parlamento. Si smarca: “Si applichino sempre i regolamenti parlamentari”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Unioni civili, Taverna (M5S): “Noi ci siamo, il patto con Ncd è per salvarsi la poltrona”

next
Articolo Successivo

Sanità Lombardia, Maroni si regala l’Anticorruzione: “Benvenuta la donna che ha svelato le mazzette”

next