Centinaia di manifestanti si sono radunati sta notte in piazza al Cairo per protestare contro la brutalità dei poliziotti.

L’episodio che ha innescato la protesta è accaduto questa notte, quando un poliziotto ha sparato in strada a un uomo uccidendolo. Secondo quanto riferito dal sito del quotidiano Al-Ahram, il poliziotto “stava accompagnando un parente a fare degli acquisti” e nel momento di “caricare su un taxi le merci comprate ha avuto un litigio con il conducente”. “Il poliziotto ha estratto la sua pistola per porre fine alla lite, ma un proiettile è partito per errore, uccidendolo“. Il tassista era un uomo di 24 anni, Mohamed Ali Ismail. Il suo cadavere è stato trasferito all’ospedale Ahmed Maher.

Dopo la sparatoria, il poliziotto si è ritrovato costretto a fuggire da una folla che ha provato a bloccarlo. La procura generarle sta indagando sul caso, ma il capo della Direzione della sicurezza ha garantito che il poliziotto, al momento latitante, sarà arrestato.

E’ solo uno degli ultimi episodi di violenza poliziesca nella città che recentemente è stata teatro dell’assassinio del ricercatore Giulio Regeni che ha suscitato più di un sospetto nei confronti degli apparati di sicurezza. La scorsa settimana molti medici sono scesi in piazza, anche loro per protestare contro il pestaggio di due colleghi in un ospedale al Cairo, che si erano rifiutati di falsificare dei documenti clinici.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, procura di Giza: “Fu ucciso da agenti segreti dei Fratelli Musulmani”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco a gamba tesa sulle elezioni Usa. E i democratici ringraziano

next