Pierfrancesco Majorino all’ultimo metro supera Francesca Balzani, ma il sondaggio di Ixè per Agorà sulle primarie del Pd a Milano non va in onda durante il programma di Rai3 per mancanza di tempo. Così Majorino ora polemizza proprio con la Rai: “Nell’informazione – dice in un’intervista a Radio Popolare – serve pari opportunità poi saranno i cittadini a decidere liberamente”. La Rai, continua, “ha un sondaggio che non è stato reso pubblico per motivazioni che mi sfuggono e chiediamo, io credo insieme ai miei colleghi sfidanti, che venga divulgato”. In questo sondaggio secondo l’assessore alle Politiche sociali del Comune, “io non sarei più il terzo incomodo”. A rispondere a Majorino è il conduttore di Agorà, Gerardo Greco.

Primarie MilanoI dati di Ixè confermano che in testa – e con margine non indifferente – c’è ancora Giuseppe Sala, candidato sul quale puntano i vertici del partito, Matteo Renzi compreso. Sala è dato con una forbice di voti che va dal 45,5 al 48,5 per cento. La notizia è che dopo queste settimane di campagna elettorale per la prima volta Majorino, assessore al sociale della giunta Pisapia, supera Francesca Balzani, che nella stessa giunta è vicesindaco con delega al Bilancio. Majorino è dato su valori tra il 25 e il 28 per cento, mentre la Balzani (considerata la candidata più vicina al sindaco uscente Giuliano Pisapia) in una quota tra il 24,5 e il 27,5. In ogni caso né Majorino né la Balzani, con queste cifre, sembrano in grado di recuperare il distacco da Sala nei due giorni di elezioni primarie (sabato e domenica prossimi). Il quarto candidato, Antonio Iannetta, viene accreditato di preferenze che non supererebbero l’1 per cento.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi, unioni civili: maggioranza favorevole (ma di poco). E 3 su 4 sono contrari alle adozioni ai gay

prev
Articolo Successivo

Primarie Milano 2016 – quando, dove e come si vota il 6 e il 7 febbraio

next