Kanèsis è una start-up siciliana nata da un’idea di Giovanni Milazzo, studente di ingegneria dei materiali che lo ha sviluppato insieme al co-founder Antonio Caruso. Dopo un periodo di studio e preparazione hanno brevettato un materiale adatto alla stampa 3D composto per il 50% da canapulo, una parte della pianta di canapa considerata come materiale di scarto, e per il restante 50% da PLA, un polimero derivato da piante come il mais.

Il materiale è stato utilizzato di recente per creare uno dei 5 droni inoffensivi riconosciuti dall’Enac. Ieri hanno presentato il progetto e tra un mese partirà la campagna di crowdfunding; l’evento è stato organizzato da Sir Canapa, negozio milanese che propone una vasta gamma di prodotti alimentari, cosmetici e di abbigliamento derivati dalla canapa, e che ha organizzato una conferenza per parlare delle applicazioni di questa pianta dal punto di vista industriale ma anche anche da quello terapeutico con la presentazione della raccolta firme dei Radicali per ottenere una legge sulla cannabis in Lombardia, che si è conclusa superando l’obiettivo delle 5mila firme necessarie

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Facebook Live apre a tutti. I video in diretta streaming di Zuckerberg sfidano Periscope e Meerkat

next
Articolo Successivo

Microsoft verso i data center negli abissi dell’oceano: al via i primi test, si pensa a produzione su larga scala

next