Ha ucciso i suoi figli, Hubert di 13 e Giulia di 8 anni, a coltellate, ha ferito la moglie poi si è tolto la vita buttandosi in un pozzo. A compiere il gesto è stato Maurizio Palmerini, cinquantenne di Vaiano, frazione di Castiglione del Lago (Perugia). A chiamare i soccorsi è stata la moglie, Caterina. I carabinieri sono arrivati prima che l’uomo si togliesse la vita e hanno provato a fermarlo insieme a un vicino ma non ci sono riusciti. L’uomo ha urlato: “Vi rendete conto di quello che ho fatto? Non provate a fermarmi”.

All’origine del gesto ci sarebbe una motivazione economica. In passato l’uomo aveva lavorato come rappresentante di farmaci e come operaio ma al momento sia lui che la moglie svolgevano solo impieghi saltuari e ricevevano aiuti dalla loro comunità. Inoltre, a quanto raccontano i vicini, alla famiglia era stata pignorata la casa e Palmerini soffriva di depressione. Il vicino di casa che ha provato a salvarlo lo ha descritto come una “persona onesta e perbene”.

La salma dell’uomo è stata recuperata nel pomeriggio dai sommozzatori dei vigili del fuoco. Il pm titolare delle indagini Manuela Comodi ha disposto l’autopsia su tutti e tre i cadaveri. La donna invece è stata ricoverata sotto shock all’ospedale di Perugia ed è stata medicata per un taglio alla guancia.  “Sono sconfortato e addolorato – ha commentato Sergio Batino, sindaco di Castiglione del Lago – soprattutto perché questa tragedia riguarda i minori E’ il sintomo della disgregazione della società. Per Caterina, la moglie di Maurilio – ha aggiunto – faremo tutto il possibile, presto andrò a trovarla per offrirle sostegno ed intervenire con gli strumenti a disposizione dell’amministrazione”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Salah Abdeslam a Matteo Messina Denaro, ecco chi sono i latitanti più pericolosi d’Europa

next
Articolo Successivo

Pozzuoli, dà fuoco alla compagna. Lei è grave, bimba fatta nascere

next