“Spero che il passo di lato di Beppe Grillo serva a rivedere delle posizioni e a organizzare il collegamento con i territori”. Federico Pizzarotti, sindaco di Parma del Movimento 5 Stelle, in un’intervista a Repubblica ha commentato così l’ennesimo annuncio del leader dell’intenzione di defilarsi dalla politica. “È già più di un anno”, ha detto, “che tra stanchezza, riavvicinamenti, nomine del direttorio, la presenza di Grillo ha cominciato a essere laterale. Spero che questo porti a rivedere delle posizioni e a organizzare quel collegamento con i territori che, in vista delle prossime amministrative, è quanto mai necessario”. E per quanto riguarda la sua situazione di sindaco da sempre critico con i vertici, ha aggiunto: “Non so ancora se mi ricandiderò e se lo farò con il Movimento: serve rinsaldare il rapporto, io vorrei farlo, ma bisogna essere in due”.

Secondo Pizzarotti il caso di Quarto è stato il primo “grosso problema” dei 5 Stelle a livello comunale. “Quel che è accaduto nell’ultimo periodo”, ha detto, “ha dimostrato quanto sia importante che ci sia un collegamento tra il centro e i comuni. Quarto a parte, nelle città che vanno al voto molti gruppi si spaccano e si contendono le candidature. Non erano stati nominati dei referenti territoriali? Dove sono? Cosa fanno?”. Ci sono Fico, Di Battista e Di Maio, ma “parlamentari che svolgono con impegno il loro compito non possono fare tutto”. Sul caso Quarto, secondo Pizzarotti sono stati fatti molti errori, la decisione non è stata “corale” e “non è stata allargata. Non puoi parlare di massima democrazia, di trasparenza, di condividere le informazioni, se al momento del bisogno le decisioni le prendono sempre meno persone”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terremoto Emilia, ancora 450 persone nei container e senza luce: “Nessuno ha rinnovato convenzione Enel”

prev
Articolo Successivo

Bologna, automobilista aggredisce con mazza chiodata uno scuolabus dopo tamponamento

next