Una gravidanza ottenuta con un ovulo congelato da dieci anni con fecondazione omologa. E’ il risultato ottenuto dal centro di procreazione medicalmente assistita del Sant’Orsola di Bologna da quando è stata avviata l’eterologa nel 2014. Per Eleonora Porcu, la direttrice, si tratta del primo caso in Italia, forse nel mondo: “In letteratura ci sono gravidanze da ovociti congelati da 10 anni, ma mai per fecondazioni omologhe“. Oltre a questa gravidanza nel centro si è riusciti ad arrivare ad altre cinque tra cui anche due gemellari, sempre a partire da donazioni di gameti volontarie e gratuite.

La stessa Eleonora Porcu, a margine della presentazione dei dati della sua ricerca, ha espresso anche il suo parere sulla maternità surrogata. “E’ una moderna forma di schiavitù femminile. Penso tutto il peggio possibile. Ho enorme stima del professor Umberto Veronesi – ha aggiunto a chi le ha fatto notare le aperture fatte dall’oncologo all’utero in affitto – appoggiò da subito il mio progetto di congelamento degli ovociti per le pazienti oncologiche. Ma in questo caso non sono d’accordo, né come professionista né come donna”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mancini, ‘frocio’ o non ‘frocio’ venga in piazza a sostenere la legge Cirinnà

prev
Articolo Successivo

Unioni civili: #svegliatitalia, la diversità è un bene comune

next