Il nuovo volto del marchio DS approda anche sull’ultimo modello che ancora portava sul muso il “double chevron” Citroën. Con l’ultimo facelift la DS3 segue l’esempio delle più grandi DS4 e DS5 completa l’operazione di distacco, anche estetico, dalla Casa madre. Proprio con la DS3, infatti, la Citroën aveva dato vita a una linea di modelli che poi s’è dimostrata in grado di stare in piedi da sola. A giugno 2014, nell’ambito del programma “Back to the race con cui il nuovo ad Carlos Tavares sta riportando PSA all’attivo, DS è diventato ufficialmente il terzo marchio del gruppo a fianco di Peugeot e, per l’appunto, Citroën. Con l’occasione del restyling, la DS ha aggiornato il sistema multimediale della DS3, introdotto un nuovo cambio automatico e rivisto la plancia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dakar 2016, veterano Peterhansel primo per la 12esima volta. Vince su Peugeot

prev
Articolo Successivo

Obama al Salone di Detroit, “Fu giusto salvare l’industria auto dalla bancarotta”

next