Il portale online della rivista statunitense Rolling Stone pubblica in esclusiva un video in cui il re del cartello di Sinaloa, una delle organizzazioni di narcotrafficanti più pericolose e sanguinarie del Messico, risponde alle domande dell’attore e regista americano. “Sono entrato nel giro quando ero un ragazzo – svela il boss Joaquin “El Chapo’” Guzman – ma non sono io il responsabile dell’alto livello di tossicodipendenza nel Mondo. Se non ci fossi mai stato la gente si drogherebbe comunque”. L’intervista è stata organizzata dall’attrice messicana Kate Del Castillo prima del suo arresto. La stessa che, tempo prima, organizzò l’incontro fra Sean Penn e il narcos: visita che diventerà l’articolo “El Chapo parla – Una visita segreta all’uomo più ricercato del Mondo” e che frutterà un’inchiesta contro la star a stelle e strisce da parte delle autorità messicane. Ricatturato, dopo una spettacolare evasione sei mesi fa, voleva girare un film autobiografico. Nell’intervista, il boss si vanta anche di essere il più grande fornitore di droga del mondo e di avere una flotta di sottomarini, aerei, camion e navi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kosovo, violenti scontri a Pristina contro il trattato con Serbia e Montenegro

prev
Articolo Successivo

Russia, medico uccide paziente a pugni. E il video delle percosse diventa virale

next