“Capisco il dolore di una sorella che ha perso il fratello, ma quel post mi fa schifo. Ci sarà un 1% tra chi porta la divisa che sbaglia e deve pagare. Anzi, deve pagare doppio perché porta la divisa. Ma io sto sempre e comunque con polizia e carabinieri. E averne di polizia e carabinieri, come quelli che abbiamo in Italia. La sorella di Cucchi si dovrebbe vergognare, per quanto mi riguarda”. Così il leader della Lega, Matteo Salvini, ospite de La Zanzara (Radio24), si pronuncia sul discusso post pubblicato da Ilaria Cucchi nei giorni scorsi su facebook, a proposito di uno dei carabinieri indagati per l’omicidio del fratello Stefano. “Quel post” – continua Salvini – “ricorda tanto il documento pubblico contro il commissario Calabresi, che poi fu assassinato (la lettera aperta del 1971 a L’espresso di politici e intellettuali sul caso Pinelli, ndr). D’altronde, in Italia c’è un’aula del Parlamento intitolata a Carlo Giuliani. Ma poi un carabiniere non può andare a mare e mettere su facebook una sua foto in costume da bagno? E’ assolutamente vergognoso. Ci sarà una sentenza: chi ha sbagliato paga, però io sto comunque con polizia e carabinieri. Quel carabiniere fa bene a querelare la signora Cucchi”. E aggiunge: “Cosa pensava di ottenere la signora Cucchi con quel post? Che i suoi commentatori facessero i complimenti alle forze dell’ordine? Queste però non sono puttanate. Sapete quanti sui social network mi minacciano di morte? Io me ne frego e mi faccio una risata e vado oltre. Però, visto che di menti labili in Italia purtroppo ce ne sono tante, additare un uomo delle forze dell’ordine al pubblico massacro mi sembra demenziale”. Poi chiosa: “Mi sembra difficile pensare che in questo, come in altri casi, ci siano stati poliziotti e carabinieri che abbiano pestato Cucchi per il gusto di pestare. Se così fosse, chi l’ha fatto, dovrebbe pagare. Ma bisogna aspettare la sentenza, anche se della giustizia italiana onestamente non ho molta fiducia. Comunque, onore ai carabinieri e alla polizia”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Unioni civili, Pd: “La legge va fatta. Se Sel e M5S ci stanno è positivo per il Paese”

prev
Articolo Successivo

M5S, Becchi lascia il Movimento: “E’ diventato partito stampella di Renzi. E’ finito il sogno”

next